Berlusconi condannato anche in appello al processo Mediaset


In primo grado il Cavaliere era stato condannato a 4 anni e all’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici. I giudici nelle motivazioni, contestuali al verdetto, avevano definito l’ex presidente del Consiglio "dominus indiscusso" di una "notevolissima evasione fiscale"

diRedazione Il Fatto Quotidiano| 8 maggio 2013

Commenti (164)

Più informazioni su: Diritti TV, Evasione Fiscale, Frank Agrama, Mediaset, Processo Mediaset,Silvio Berlusconi.

Share on oknotizieShare on printShare on emailMore Sharing Services266

Silvio Berlusconi è stato condannato in secondo grado nelprocesso Mediaset. La corte d’appello di Milano ha confermato integralmente la sentenza di primo grado, che ha inflitto a Berlusconi quattro anni di reclusione (di cui tre coperti da indulto) per frode fiscale. I giudici hanno accolto la richiesta del procuratore generale di Milano, Laura Bertolè Viale.

Sul futuro politico del leader Pdl pesano inoltre le pene accessorie, anche queste confermate, dell’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e quella dalle cariche societarie per tre. E’ la prima sanzione che l’ex presidente del Consiglio teme maggiormente, perché in caso di conferma inCassazione aprirebbe la questione della decadenza dalla carica di parlamentare.

In primo grado il Cavaliere era stato condannato a quattro anni. Tra le pene accessorie l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e quella dalle cariche societarie per treni. E’ la prima sanzione che l’ex presidente del Consiglio teme maggiormente perché in caso di conferma inCassazione aprirebbe una questione politica e non solo sulla decadenza dalla carica di parlamentare. Anche se tre di quattro cui il Cavaliere è stato condannato sono stati indultati.

Le motivazione dei giudici di primo grado: “Berlusconi dominus indiscusso”. In primo grado i giudici avevano motivato la condanna parlando di “un’evasione fiscale notevolissima” sottolineanche che una catena di intermediari e società schermo avrebbero permesso di gonfiare i costi d’acquisto dei diritti dei film da trasmettere in tv per creare fondi neri. Secondo i magistrati non era “sostenibile che la società abbia subito truffe per oltre un ventennio senza neanche accorgersene” e Berlusconi era il “dominus indiscusso”. Ma non solo i magistrati nelle motivazioni contestuali aveva descritto “un preciso progetto di evasione esplicato in un arco temporale ampio e con modalità sofisticate”.

“Il sistema” dei diritti tv, secondo le toghe di primo gravo, aveva un “duplice fine”: una “imponente evasione fiscale” e la “fuoriuscita” di denaro “a favore di Silvio Berlusconi” che ”rimane al vertice della gestione dei diritti” e del meccanismo fraudolento anche “dopo la discesa in campo”, perché “non c’era un altro soggetto” a gestire il sistema di frode. I giudici avevano richiamato anche un verdetto della Cassazione sul caso Mills, che prosciolse l’avvocato inglese per prescrizione dall’accusa di corruzione in atti giudiziari, ma attribuì al Cavaliere la paternità dei versamenti sui suoi conti: “Il giro dei diritti si inserisce in un ricorso più generale a società off-shore create da Berlusconi affidandosi a fidatissimi collaboratori”. Ma non solo per le toghe il comportamento di Berlusconi, nell’ambito del processo Mediaset sui diritti tv, dimostrava una “naturale capacità a delinquere” per perseguire “il disegno criminoso”. L’ex premier era stato ritenuto l’”ideatore” del sistema fraudolento e “non si può ignorare la produzione di un’immensa disponibilità economica all’estero ai danni dello Stato e di Mediaset che ha consentito la concorrenza sleale ai danni delle altre società del settore”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...